Diagonal shore jigging

Andare in basso

Diagonal shore jigging

Messaggio  Angelito Brigante il Dom 22 Mag 2011, 05:22

Dato che l'estate è alle porte,vorrei illustrarvi una tecnica che si pratica prettamente in questa stagione, lo shore jigging o diagonal jigging. Il nome di questa tecnica di pesca letteralmente tradotto significa jigging dalla costa , ed i primi a praticare questa variante dello spinnig sono stati, tanto per cambiare i Giapponesi, daltronde essi sono sempre stati i pionieri di ogni tecnica che poi arriva qui da noi in italia.Con questa tipologia di pesca possiamo risolvere alcuni problemi che si presentavano nello spinning classico, cioè una gittata limitata,soprattutto in presenza di vento forte, e le difficoltà nel sondare gli strati d'acqua prossimi al fondo e il fondo stesso.
Con questa tecnica possiamo insidiare tutti i tipi di predatori marini,soprattutto tunnidi e pelagici come alletterati palamiti e ricciolette, anche se questi stazionano a grande distanza dalla riva o dalla costa, in quanto i jig hanno grammature pesanti, ma soprattutto oppongono pochissima resistenza all'aria 'grazie al connubio forma/peso. In genere queste esche artificiali hanno svariate forme e colorazione. Io personalmente prediligo il sea rock della river to sea e lo jugulo della molix.
Per quanto riguarda il discorso recuper prede, se vogliamo insidiare pinnuti di superficie come alletterati,cavagnole,palamite, barracuda, bandiera(spatole) e aguglie reali(capuane), una volta lanciato in acqua il jig lo recupereremo in maniera veloce per evitare che si inabissi, e ovviamente se ogni tanto facciamo uno stop , questo deve essere di breve durata. Per i predatori che stazionano tra la superficie e gli strati intermedi d'acqua come i serra allora possiamo effettuare un recupero a dente di sega, ovvero una volta lanciato il jig aspettiamo che questo scenda per poi recuperarlo alzando la canna in maniera perpendicolare al terreno,per poi stopparsi nuovamente e cosi via.
Vi è anche la possibilità di far scendere il jig fino al fondo, li dove possibile,ovvero sui fondali sabbiosi privi di ostacoli sommersi, recuperandolo per poi farlo poggiare nuovamente sul fondo, cosi da simulare un pesciolino in difficolta o un pesciolino che cerca di insabbbiarsi. In questo modo possiamo insidiare predatori come dentici , cernie tracine o lucertola, piu raramente raze e rombi o pesci come la spigola che in determinati periodi dell'anno si allontana dalle coste andando a perlustrare fondali più alti.
Per poter praticare questo tipo di tecnica andremo ad utilizzare una canna rigida, una canna da spinning che vada dai 6' agli 9' (dal metro e 95 ai 2 e 70) con un range da 60a100 gr. Per quanto riguarda il mulinello un 5000 shimano o un 3500 daiwa andrà benissimo, imbobbinato con un buon trecciato da 25 lb a cui applicheremo un terminale in fluorocarbon non inferiore allo 0.40mm con uno spin clip da 25lb... Ricordatevi che possono incappare prede davvero incredibili, superiori anche ai 10 kili...






avatar
Angelito Brigante
Admin

Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 22.05.11
Età : 33
Località : Reggio Calabria Town

Visualizza il profilo http://calabriaspinning.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Diagonal shore jigging

Messaggio  donato81 il Mar 31 Mag 2011, 17:03

angelo volevo chiederti se hai notato su recuperi differenti se cambiano la prede in maniera calcolabile::
:: mi spiego meglio, con un recupero più lento, quindi con jig più vicini al fondo è più semplice incontare una cerniola o una ricciola piuttosto che un tunnide e cosi via..?

sono un appassionato dei jig che ahimè utilizzo moltissimo, per non dire colleziono, cerchiamo di raccogliere qualche esperienza per capirci qualcosa in più..

non dimenticare i jig di toni jocolor

donato81

Messaggi : 5
Data d'iscrizione : 24.05.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Diagonal shore jigging

Messaggio  fede27 il Mar 31 Mag 2011, 17:27

donato81 ha scritto:
:: mi spiego meglio, con un recupero più lento, quindi con jig più vicini al fondo è più semplice incontare una cerniola o una ricciola piuttosto che un tunnide e cosi via..?
Io penso che sia una cosa scontata... Cioè, non sono un esperto, ma penso sia molto più semplice insidiare una cernia o un dentice facendo camminare in jig sul fondo piuttosto che un tonno!!
Poi può essere anche che mi sbaglio!! Laughing Laughing

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Che rumore fa la felicità?? Beh... Il rumore della mia frizione!! lol!
avatar
fede27
moderatore
moderatore

Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 22.05.11
Età : 22
Località : Reggio Calabria

Visualizza il profilo http://calabriaspinning.forumattivo.it/forum

Torna in alto Andare in basso

Re: Diagonal shore jigging

Messaggio  mico7 il Mer 08 Giu 2011, 19:18

fede27 ha scritto:[quot::e="donato81"]
mi spiego meglio, con un recupero più lento, quindi con jig più vicini al fondo è più semplice incontare una cerniola o una ricciola piuttosto che un tunnide e cosi via..?
Io penso che sia una cosa scontata... Cioè, non sono un esperto, ma penso sia molto più semplice insidiare una cernia o un dentice facendo camminare in jig sul fondo piuttosto che un tonno!!
Poi può essere anche che mi sbaglio!! Laughing Laughing [/quote]


Per quello che è il modesto parere di un neofita ormai appasionatissimo Smile ti dico prima di tutto che come per lo spinning le dimensioni,il peso e il modello di artificiale sono fondamentali,,,mi permetto di scrivere qualcosa qui a seguito sullo shore,riguardo ad esperienze sul campo che ho accumulato in quest'anno senza nulla togliere al post di angelo Smile



Per quanto riguarda le attrezzature partiamo dalle CANNE;queste possono essere sia le canne da spinning pesante,attrezzi dalla grammatura elevata,parlo di potenza 40/80 gr per es. che ci permettono di fare uno shore jigging ligth come quello alle spatole.Oppure le classiche canne da sj che hanno una potenza simile alle canne da surf (da 120gr in su ) ma con un elasticità superiore a queste chiarmente .Elemento importantissimo è la lunghezza della canna;una canna da spinning come noi sappiamo ,solitamente ha una modesta dimensione e ciò condizionerà i nostri movimenti ,infatti nella fase di recupero non potremo tenere la canna parallela a noi ma ci verra più comodo effettuare un movimento trasversale,a meno che non ci procuriamo un attrezzo che abbia una lunghezza di circa 3 mt e mezzo che ci consentirà di raccogliere più comodamente e in modo diritto (per farvi capire quello che intento un pò il movimento che si fa per raccogliere la bombarda quando si pesca a tonnidi da riva);la vera canna da sj ci consentira non solo di usare jig più pesanti ma di recuperare nel modo più corretto la nostra esca.I MULINELLI devono essere di dimensioni medio grosse,un buon 6000 con un trecciato tipo il 19 per il ligth e il 25 per lo shore puro saranno un'ottima combinazione;questi dovranno avere comunque particolari caratteristiche , più simili ai muli da vj che a quelli da spinning classico (i muli da spinning tropicale sono dei mostri di potenza e resistenza e andranno molto bene); il rapporto giri di manovella filo raccolto dovranno garantirci un recupero veloce che ci eviterà l'incaglio del jig e di portare su la preda con facilità;per la realizzazione del terminale io personalmente per il lsj uso un flc 0,28 legato al trecciato e poi attacco l'artificiale direttamente al moschettone (come moshettoni usate quelli da spinning un pò più grossi di quelli che usate di solito i classici moschettoni da surf dopo alcune jiggate si aprono,e perdereste l'artificiale soltanto nel migliore dei casi come è successo a me -.-").Parliamo degli ARTIFICIALI ora.Le nostre esche varieranno molto perche tenete presente che con un'attrezzatura di qualità potremo usare gli stessi artificiali che si usano per il vj.I colori sono importantissimi più della forma stessa dell'artificiale ( ricordiamo che il pesce addentera il nostro jig non solo fame ma principelmente perchè stimoleremo la sua aggressivita (vedi il caso di dentici o cernie in quel caso viene fuori la territorialità di questi fantastici pesci stanziali),perciò artificiali dai riflessi più accentuati ci garantiranno il giorno più catture;usate colori il più possibile naturali,per esempio i classici jig color sardina con l'olografica saranno ottimi perchè i bagliori che provocheranno durante la risalità saranno irresistibili per i nostri amici pesci;la notte usate jig fluo bianchi e rossi o anche solamente bianchi saranno irresistibili per pesci come le sciabole.Movimento e raccolta;vengo al dunque su quella che era la tua domanda;se parliamo di pelagici o pesci di superficie (anche le aguglie o le stellotte si prendono con mini jig) conviene sempre raccogliere con un buon ritmo di media velocità, ma anche raccogliendo velocemente, se i pesci sono in caccia,con prede come i tonnidi riusciremo ad allamarli con tranquillità;se miri alla ricciola o al pesce di media profondità così come al pesce di tana raccogli son un andamento medio lento (non troppo lentamente altrimenti incaglierai il tuo artificiale sul fondo);cosa che spesso trascuriamo durante il recupero,questo principalmente se abbiamo come obbiettivo pesci di media alta profondità,è fermarci dopo alcuni metri di raccolta perchè il nostro jig sarà inevitabilmente salito in superficie,perciò ci fermiamo e riaprimo l'archetto per dare filo in modo che la nostra esca tocchi il fondo( questo per un paio di volte a lancio);per le "jiggate" come succede nel vj alternate molto nella raccolta pompate veloci e pompate lente,oltre ai bagliori dati dalla colorazione dell'aesca i suoi movimenti imprevedibili stimoleranno il pesce

Scusate se mi sono dilungato spero di esservi stato utile Smile

mico7

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 31.05.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Diagonal shore jigging

Messaggio  donato81 il Mar 14 Giu 2011, 20:41

sei stato molto esaustivo e ti ringrazio per la risposta che mi ha dato qualche conferma.
non sono uno che da le cose per scontato, cerco invece di accumulare sempre più esperienze per arrivare ad un ragionamento sensato, che non mi dà per forza una risposta universalmente valida, la pesca non è matematica se no mi sarei annoiato diversi anni fa Very Happy


donato81

Messaggi : 5
Data d'iscrizione : 24.05.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Diagonal shore jigging

Messaggio  sergio il Mer 15 Giu 2011, 19:02

ragazzi spiegazione molto esaustiva l'unica pecca secondo me è il filo almeno che il 19 e il 25 nn erano libbre ma kg. ricordiamoci che parliamo di sj ossia una specie di vertical fatto in orizzontale da terra questi fili possono essere validi di notte a spatole ma di giorno almeno io ho usato dei casting jig da 80 gr vedi jugulo e con la canna da leccia(shimano 40-80) ryobi applause power pro 50 lb e mi sono trovato ottimamente.............. ho usato con striscio e canna da surf il 50 lb per pescare col silicone a tonnetti alletterati e dopo due gg e molte catture nn vi dico come era conciato nn tralasciamo il fatto che la ricciola o la leccia da sogno nn sono rare e perdere un bel pesce per aver montato attrezzatura sotto dimensionata mi è già capitato 35 lb scoppiato a vertical ... almeno che nn siamo disposti a cambiare filo ogni due uscite. Chiaramente la pesca è bella perchè ognuno porta avanti le sue idee....... nn considerate questo come una critica mettiamo a confronto le nostre esperienze
avatar
sergio

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 01.06.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Sno daccordo a sergio.

Messaggio  Joseph il Mer 06 Lug 2011, 13:30

Preferirei usare in questo tipologia di pesca atrezzi XHeavy xke le sorprese e dietro nell'angolo,cioe atrezzi ad esempio: un mullo stella 8000 montato in un canna d SJ d gr.150 e un trecciato PE 4 da 300 mt. Inbobinato con un finale di 60 d fluorocarbon direi va + ke bne.Raggazi qui stiamo parlando di una tecnica piu o meno simile a VErtical Jigging quindi non stiamo parlando di catturare pesciollini come i barracuda,spigola,serra,ecc..qui stiamo parlando alla ricerca dei predoni in fondo come i Dentice e Ricciola ke arrivano Kg. a Kg.E per questo molti grandi aziende d pesca come ad esempio: SHIMANO,XZOGA,MAJOR CRAFT,EVERGREEN fabricanno atezzature addegauate xke sanno ke atrezzatura c vogliono usare..Un mio amico di messina ke d anni ke pratica questa pesca mi ha confermato ke usare atrezzi light cme un mullo 5000 si e' trovato in difficolta a salpare un Palamita d 9,850gr.Ke vi devo dire ancora?guardate i video dei maestri Jap,ce uno ke ho visto ha piazzato in una canna d SHORE JIGGING ke ha la gr. d soli 120gr. con un mullo d Shimano 20000sw ke aveva salpato un Tonno d pina gialla di oltre 10kg.Poi secondome conbiene usare un mullo di misura elevata xke lanciando un Jig d 80gr. perdi 100mt x dire..poi perdiamo ancora parecchie metri di trecciato x far scendere il jig,xcio a mio avviso usare un mullo di misura elevato non e un problema,forse il peso SI, cosa volete?! cme a VERTICAL JIGGING questo tipologia ci vogliono fisacamente preparato...
avatar
Joseph

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 27.05.11
Età : 33
Località : Reggio Calabria

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Diagonal shore jigging

Messaggio  mico7 il Mar 26 Lug 2011, 10:22

Per quanto riguarda il trecciato credo che esagerare possa essere un limite perchè qua da noi non ci sono molte possibilità di allamare grossi predatori,in linea teorica certo un 35 lb è ottimo anche perchè è un trecciato che si usa per il vj e usare un lb superiore comporterebbe un mulo più grosso e capiente,poi comunque i ragionamenti fatti fino a ora sono tutti corretti perchè come sappiamo la pesca è molto varia e poi ogniuno deve regolarsi in base alle catture che si fanno nella propria zona.In un posto come Reggio a parte palamite o alletterati è difficile catturare prede più grosse e combattive perciò dicevo che un 25 lb è più che sufficiente anche perchè già così ci vuole un 6000 o 8000 almeno per poter pescare a lunghe distanze non dimentichiamo che si pesca da terra.Poi sinceramente parlando sempre di multifibra chiaramente è difficile che un 25 lb si rompa sotto il tiro di un pesce si rompe più facilmente la canna da quello che ho visto piuttosto che la lenza poi certamente c'è chi è più esperto di me chiaramente,io parlo per quel poco che ho visto e vi garantisco che arroccando con il 19 ma già cn il 16 si può tagliare la lenza che non si stacca da terra l'artificiale,si rompe la canna o ci si può anche tagliare per la forza con cui si tira ma la lenza non si rompe il filo ,certo se allamo una ricciola di 45kg kiaro che non la tirerò mai con un 16 lb però con un 30 penso di non avere problemi se poi la canna e il mulo sono buoni ancora più difficile che lo sforzo cada tutto sulla lenza,,,comunque per il mulo un tica o un navi o simili che hanno una struttura molto robusta sarannò ottimi per fare questa pesca,,poi per la canna ho visto ultimamente che anche in italia ormai si stanno producendo attrezzi appositi a questa pesca perciò poi si dovra scegliere fra i diversi modelli e grammature.

mico7

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 31.05.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Diagonal shore jigging

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum